Blog degli Amici di Pino Masciari

inchiesta-poseidone-il-sen-piattelli-interrogato-per-la-seconda-volta-gazzetta-del-sud-del-30-settembre-2007.pdf Comments

inchiesta-poseidone-il-sen-piattelli-interrogato-per-la-seconda-volta-gazzetta-del-sud-del-30-settembre-2007.pdf

Mio carissimo amico Pino Masciari Comments

Mio carissimo amico Pino Masciari

garri-michele.jpgCarissimo Pino,come hai potuto constatare   le tue dichiarazioni a me rilasciate sulla necessità  di espellere dal Parlamento i tangentisti e della tua volontà di voler fare di nuovo l’imprenditore,   hanno avuto una vasta risonanza. So che ti sono arrivate numerose attestazioni e ne sono contento. Si vede che hai davvero colpito nel segno. Non si riuscirebbe a capire altrimenti perchè ad essere espulsi dalla Confindustria gli imprenditori che pagano il pizzo alla mafia e non quelli che lo pagano a dei Comitati d’affari dentro cui vi sono politici, massoni ‘ndranghetisti  e che tu coraggiosamente hai denunciato trascinandoli in galera. Ma tu, con il tuo acume e la tua schiettezza, sei andato al di là ed hai gridato “via dal Parlamento anche  i tangentisti” riferendoti a coloro che sono stati condannati per gravi reati. Dopo quella tua intervista, mentre prima queste cose si mormoravano, adesso sono in molti a dirle apertamente ad incominciare da   Beppe Grillo e l’esercito dei suoi fans. Hai fatto benissimo inoltre, la notizia è stata ripresa anche dall’agenzia Asca che è legata alla Confindustria, a rivendicare il diritto voler tornare a fare nuovamente l’imprenditore. Perchè soltanto così lo Stato, oltre a dimostrare di essere forte, ti ripagherà in un certo qual senso dei danni che hai subito per esserti ribellato ad un sistema di potere. Mi pare d’aver capito che non ti hanno ancora risarcito nemmeno dei danni materiali, senza contare quelli morali e biologici che ti sono stati provocati.  E se ho capito bene ti hanno costretto anche a  fallire portandoti  via il  patrimonio,  frutto del tuo lavoro,  provocato disagi a tua moglie ai tuoi che, come mi hai detto quando ci siamo incontrati alla manifestazione di Polistena  “non conoscono i loro nonni” e mi hai ricordato quella triste notte di undici anni fa quando ti hanno impacchettato ed esiliato.  Non ci sarebbero quindi soldi che tengano per poterti   risarcirti  dei danni  che sei stato costretto a patire  per esserti   ribellato  ad un sistema affaristico mafioso facendo una scelta precisa, un monito per tutta la collettività.  E stai sicuro che con il tuo gesto hai seminato dei germi che presto o radi daranno i suoi frutti e che il tuo nome non sarà mai dimenticato dalle persone perbene. Non è esagerato parlare dunque di un atto di eroismo nella guerra contro la mafia che lo Stato purtroppo non ha mai ingaggiato. Dovremmo quindi ringraziare persone come te e alcuni pezzi di Stato come   Nazzareno Lopreiato, quel  giovane maresciallo dei carabinieri   che ti ha ascoltato. Altrimenti avresti potuto anche correre il rischio di non essere considerato nemmeno una vittima così  come sta capitando a qualche onesto  commerciante vibonese,  che dopo  aver  detto no! al  pizzo in tutte le maniere,   si è visto incendiare il negozio e  a cui  lo Stato  ha risposto di rivolgersi al Tar. Uno dei motivi principali di questo malessere, di questa confusione è che  a decidere e a valutare chi sono le vittime vere non siano chiamati  esperti che come te hanno una forte esperienza dei fenomeni estorsivi.  Speriamo che  se ne accorgano al più presto e che sia approvata la proposta di collocare nella pubblica amministrazione i testimoni di giustizia o reintegrando gli imprenditori alla guida di quelle aziende che la mafia gli ha strappato. Questa la più grande soddisfazione, questa, la più grande vittoria!

Vibo Valentia 28 settembre 2007   

Michele Garrì Giornalista

Il racconto di E.C. – accompagnando Pino Masciari Comments

Il racconto di E.C. – accompagnando Pino Masciari

pino-300.jpg

foto di Marco Donatiello/DP Studio

 

Riceviamo la segnalazione di un articolo su un giornale di quartiere di Torino dove E.C. racconta la sua esperienza con Pino Masciari. Riportiamo il bel racconto di esperienza umana:

pino_piazza17sett-1_ridotto_01.jpg

Clicca sull’immagine per la versione leggibile