Catanzaro, la città predata dalle sue classi dirigenti