Caso Riina, Bindi: «È curato e assistito meglio che ai domiciliari»