GOVERNATORE DELL’ABRUZZO INDAGATO PER CORRUZIONE!

Ci auspichiamo che le indagini rivelino l’effettiva estraneità del Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, come da lui affermato, ma se così non fosse e i fatti dovessero rivelarsi veri, sarebbe l’atto corruttivo tra i più vili e non sarebbe la prima volta, perchè per quanto la corruzione è da condannare in ogni modo, se avviene sfruttando la sofferenza di chi, come il popolo abruzzese, ha pagato e continua a pagare un carissimo prezzo in fatto di economia, infrastrutture e vite umane dal dopo terremoto ad oggi, allora chi coinvolto in questa brutta faccenda dovrebbe pagare un prezzo ancora più alto!!! Attenderemo gli esiti e forse ne riparleremo.

Appalti in Abruzzo, il governatore DʼAlfonso indagato per corruzione

Lui: “Sono totalmente estraneo”. Sequestrati documenti relativi alle gare per la ricostruzione dopo il terremoto del 2009. Nel mirino della procura il bando per la ricostruzione di Palazzo Centi

Il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso (del Pd), è indagato per corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio nell’ambito di un’inchiesta su alcuni appalti del post-terremoto del 2009. Il governatore è coinvolto insieme con una quindicina di persone, tra funzionari e imprenditori. I carabinieri hanno sequestrato documenti sulla gara per l’affidamento della ricostruzione di Palazzo Centi. D’Alfonso: “Estraneo ai reati”.

D’Alfonso: totalmente estraneo – “Mi dichiaro totalmente estraneo alle vicende e auspico una loro rapidissima definizione”. Così – in una nota – Luciano D’Alfonso. “Sono stati comunicati atti di proroga di indagini penali che vanno avanti dal novembre 2015 con rinnovi semestrali. Gli argomenti per i quali sono state individuate ipotesi di reato sono: il cantiere dei lavori di Palazzo Centi a L’Aquila; un intervento non ancora precisato riguardante la città di Penne; interventi – al momento solo quantificati e ipotizzati come priorità a seguito di legittime pressioni e denunce dei cittadini – di rigenerazione e manutenzione ordinaria e straordinaria delle case popolari in via Caduti per servizio e in via Salara Vecchia a Pescara”.

Sequestrati documenti appalto per la ricostruzione Palazzo Centi – Dopo un lunghissimo iter, nei mesi scorsi la gara per l’appalto pubblico da 13 milioni di euro è stata aggiudicata alla ditta Edil Costruzioni Generali Srl di Isernia con un ribasso del 35,017%. Nei giorni scorsi l’amministrazione aveva dato l’ok alla congruità degli atti di gara, compreso il ribasso stesso.

tgcom24.mediaset.it