‘Ndrangheta in Toscana: le mani sull’industria del falso.

Fonte: AGI

Le mani della ‘ndrangheta anche sull'”industria del falso” in Toscana. Sei persone arrestate, decine di conti correnti e oltre 30mila capi d’abbigliamento contraffatti di elevata fattura sequestrati sono il bilancio dell’operazione “Rubamazzo”, scattata all’alba, con la quale i militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Arezzo e del Gico del Nucleo di Polizia Tributaria di Firenze hanno smantellato un’organizzazione criminale, a carattere transnazionale e con ramificazioni su tutto il territorio nazionale, dedita alla produzione e al commercio di ingentissimi quantitativi di capi di abbigliamento e accessori con griffe contraffatte.

A capeggiarla C.G.F., 45 anni, e F.D., di 42, entrambi della provincia di Vibo Valentia, ed entrambi affiliati a note cosche della ‘ndrangheta calabrese, gli “Anello Fiumara” di Filadelfia e i “Mancuso” di Limbadi, arrestati dai finanzieri insieme ad altri 4 componenti del sodalizio, residenti invece in Campania, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Firenze su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

pagepeel by webpicasso.de