“Body-guard” del testimone i ragazzi di Libera