Categoria: Articolo

La maglietta di Pino Masciari Comments

La maglietta di Pino Masciari

Maglietta

Ciao a tutti sono Andrea di Torino, cercherò di collaborare al sito con tutte le risorse che ho e condividendo le emozioni che mi hanno portato all’amicizia di Pino della quale sono orgogliosissimo e onorato.

In occasione del tour di Beppe Grillo a Torino, ….già sono uno degli amici di BG o meetup se preferite, dicevo… in quell’occasione sapevamo che Pino sarebbe stato ospite di una delle serate del Reset Tour. Lo abbiamo voluto con noi. E credo che questa sia la cosa fondamentale in questo momento: avere la chiarezza, il coraggio e la responsabilità di dirsi ed essere vicino a lui.

Attraverso questo blog arriveremo a raccontare come ci si è conosciuti, ma ora arrivo al dunque della maglietta, visto l’interesse dimostrato in uno dei commenti.

Da un giorno all’altro, di getto, con poca fantasia grafica ma con idee chiarissime, ho ideato la scritta più semplice, inequivocabile e diretta che si potesse pensare per dire quale fosse la posizione nei confronti di Pino Masciari: “sono suo amico”, e di conseguenza nemico dei suoi nemici, e gli sono e gli sarò accanto.
Indossarla non è così semplice come sembra: bisogna avere ben in mente cos’è la storia di Pino, cosa ha passato in 10 anni di programma di protezione, come è stato considerato dalle Istituzioni. Sapere chi ha contro, a partire dall’organizzazione criminale più potente in Italia fino ai piccoli burocrati che impediscono i diritti fondamentali e costituzionali a un uomo, e di conseguenza alla sua Famiglia (con la maiuscola perchè sono una bellissima Famiglia), che non ha commesso alcun crimine ma anzi ha evitato che altri ne commettessero o continuassero a commettere.

E in quest’Italia a testa in giù per alcuni pipistrelli denunciare certe cose è una bestemmia.

Ebbene, sapendo questo allora si può prendere una maglietta così e indossarla con fierezza e impegno. Non è in vendita, non so se lo faremo mai, perchè non vogliamo far commercio di queste cose, forse metteremo un sorgente liberamente scaricabile perchè ognuno se la stampi, ancor meglio se ognuno si inventa la “sua” maglietta di amico di Pino Masciari. Questo è il mio pensiero, parliamone nei commenti.

Al momento ne esistono 6, delle quali una è stata omaggiata a Pino e una a Beppe Grillo. Verosimilmente ne girano indossate 4 in Italia. Bè queste 4 magliette hanno portato il messaggio all’attenzione di molti, un curioso in un locale una sera come tante, un giornalista di Terra, un amico lontano di Pino che ha visto la maglietta allo spettacolo di Grillo e lo ha rintracciato…. Mai avrei pensato arrivasse a tanto una scritta su una maglietta e c’è stupore e meraviglia di queste reazioni, e anche la felicità perchè in fondo questo ci interessa: che il nome di Pino Masciari porti alla curiosità di conoscere chi è lui e qual è la sua storia, e che ogni nuova persona sia per lui ossigeno nuovo per portare avanti la sua battaglia quotidiana.

Seguendo il blog avrete modo di conoscerla.

pino-masciari-associazione-mafiosa-ed-estorsione-chieste-condanne-per-98-anni-artgaz-del-sud-del-16-maggio-2007.pdf Comments

pino-masciari-associazione-mafiosa-ed-estorsione-chieste-condanne-per-98-anni-artgaz-del-sud-del-16-maggio-2007.pdf

intervista-esclusiva-a-masciari-testimone-protetto-o-soppresso-18-magiugno-2007-anno-ii-n%c2%b0-24pagina-03.pdf Comments

intervista-esclusiva-a-masciari-testimone-protetto-o-soppresso-18-magiugno-2007-anno-ii-n%c2%b0-24pagina-03.pdf

Video Comments

Video

New Pino Masciari al raduno nazionale degli amici di Beppe Grillo (dal minuto 256:00)

La giornata di Pino Masciari a Copanello di Stalettì (CZ)

La giornata di Pino Masciari a Torino

Pino Masciari a Torino al Vday Registrazione di Antenneattive

Pino Masciari e i suoi Registrazione di Antenneattive

Presentazione giornata Amici di Pino Masciari Registrazione di Antenneattive

Al Reset tour di Beppe Grillo

Intervista di Piero Ricca

 

REPORT norma di legge

Pino scortato dai ragazzi di Libera

Tg 3

Amici di Pino Masciari su Terra

La carovana del cuore 2007

Intervista di Pino alla Provincia di Torino – 19 luglio 2007

 

Serata con Travaglio (1:21:30)

Serata con Ingroia (45:14)

Intervista da Radio 24 Sabato 9 giugno ore 19,30 Comments

Intervista da Radio 24 Sabato 9 giugno ore 19,30

intervista.jpg

Sabato 9 giugno ore 19,30 Radio 24 intervista di pino Masciari. Conduce il dott. Roberto Galullo

Associazione mafiosa ed estorsione, <br /> chieste condanne per 98 anni Comments

Associazione mafiosa ed estorsione,
chieste condanne per 98 anni

La storia è quella di sempre; amaramente uguale nonostante siano passati anni e nel frattempo siano cambiati pure i governi. Cambia l’ordine degli addendi ma non il prodotto per i testimoni di giustizia che si ritrovano sempre al punto di partenza. O meglio di non partenza considerato che c’è chi come Pino Masciari, l’imprenditore di Serra San Bruno che dal‘97 vive con la famiglia in località protetta, a partire per seguire i processi in cui si è costituito parte civile non riesce proprio.
L’ultima “perla” risale a pochi giorni fa. Giorno 11 maggio Masciari avrebbe voluto essere a Crotone dove si svolgeva l’udienza a carico di undici imputati – due rispondono di associazione per delinquere, gli altri a vario titolo di estorsione semplice e di estorsione aggravata dalle modalità mafiose – conclusasi con la requisitoria del pm distrettuale Marisa Manzini. Procedimento che, come gli altri, vede l’ex imprenditore parte civile. Ebbene aveva comunicato la data anzitempo al Nop (Nucleo operativo di protezione) di competenza e anche quelle degli altri processi – il 22 dovrebbe essere a Catanzaro (Corte d’Appello), idem il 30 (ma in Tribunale) e nello stesso giorno a Roma (Cassazione) – ma, nonostante le verifiche effettuate dai militari del Nop, è stato contattato soltanto la vigilia del processo (giovedì 10) e tra l’altro alle 16,30 quando gli è stato detto che avrebbe viaggiato su un’autovettura non blindata.
Una storia assurda che è diventata paradossale e grottesca nelle ore successive a seguito del rifiuto di Masciari di viaggiare in quelle condizioni mettendo a repentaglio la sua vita e quella degli accompagnatori. Una storia che l’avvocato Maria Claudia Conidi ha posto all’attenzione della Commissione parlamentare antimafia, del Comitato testi, del ministro dell’Interno e della Commissione centrale ex art. 10 legge 82/91. Una denuncia bella e buona che mette in luce la difficoltà di vivere di Masciari e della sua famiglia, privati di ogni libertà, ma soprattutto della possibilità di essere presente «dove la giustizia intenderebbe chiamarlo».
Morale della favola, come accaduto altre volte e come del resto dallo stesso Masciari denunciato pubblicamente in televisione, a quel processo non ci è andato. Per gli altri non si sa. Per quello in corso davanti al Tribunale di Crotone, iniziato nell’ottobre del 2003, la prossima udienza è stata fissata per l’8 giugno. È probabile che i giudici emettano la sentenza. Intanto il pm della Dda di Catanzaro Marisa Manzini ha chiesto pene per complessivi 98 anni più 42mila euro di multe nei confronti degli imputati. Le richieste più pesanti riguardano Pietro Scerbo (16 anni) e Giovanni Trapasso (12 anni), entrambi rispondono di estorsione e associazione.
Le altre persone coinvolte sono accusate, a vario titolo, di estorsione semplice e aggravata. Si tratta di: Nicola Arena (9 anni e 6 mila euro di multa); Salvatore Vallelunga del ‘61, Damiano Vallelunga, Antonio Vallelunga e Cosimo Vallelunga (8 anni e 5 mila euro ciascuno); Rocco Vallelunga, Giovanni Vallelunga e Cosimo Franzè (7 anni e 4 mila euro di ciascuno); Salvatore Vallelunga del ‘59 (8 anni e 4 mila euro). Nei confronti degli stessi imputati è decaduto per intervenuta prescrizione il capo d’imputazione relativo alla violenza privata, mentre per altri reati sono stati assolti per non aver commesso il fatto.
Coinvolti nel procedimento – che rappresenta uno dei diversi tronconi in cui l’inchiesta fu suddivisa – anche Salvatore Cassaro, Cesare Napolitano, Luciano Battaglia e Mario Scarpino per i quali è stato disposto il non doversi procedere per intervenuta prescrizione. I reati trattati, infatti, sarebbero stati commessi nel periodotra il ‘90 e il ‘91.

Articolo originale dalla Gazzetta del Sud: Associazione mafiosa ed estorsione,chieste condanne per 98 anni

Associazione mafiosa ed estorsione,chieste condanne per 98 anni Comments

Associazione mafiosa ed estorsione,chieste condanne per 98 anni

Pino Masciari (parte civile) costretto a non presentarsi all’udienza per la mancanza di un’auto blindata

Masciari costretto a saltare il processo Comments

Masciari costretto a saltare il processo

16 maggio 2007 – Manca l’auto blindata – Masciari costretto a saltare il processo-