Articolo – Pagina 443 – Blog degli Amici di Pino Masciari

Categoria: Articolo

Nel blog una vita sofferta, tra disavventure e solidarietà Comments

Nel blog una vita sofferta, tra disavventure e solidarietà

La finestra sul mondo del testimone di giustizia vibonese

Nel blog una vita sofferta, tra disavventure e solidarietà

«Ogni persona in più che viene a conoscenza della mia storia allunga la mia vita di un giorno».

Ha scelto uno slogan che mescola dolore a speranza il testimone di giustizia Pino Masciari, il quale ha deciso di raccontare la sua odissea al mondo intero dalle pagine di un suo blog naufrago nello sterminato web. Primo imprenditore vibonese a denunciare i soprusi subiti dalla malavita organizzata, Masciari, dopo aver testimoniato in decine di processi calabresi,  oggi vive «recluso» in una località segreta e racconta un’odissea quotidiana. Appena qualche giorno fa, Andrea, uno degli amici della «società civile», ha “postato” un messaggio in cui annunciava che «la macchina di scorta assegnata a Pino Masciari è di nuovo spirata ».

 E ancora: «Si sono riorganizzati, ma l’idea di avere macchine di servizio di scorta così obsolete lascia perplessi. A volte potrebbe servire potersi muovere con velocità… o no? . . .  leggi-tutto.pdf  

p.com.

fonte : quotidiano CalabriaOra del 20 settembre 2007

Ancora Harry-Impastato Comments

Ancora Harry-Impastato

harry.jpg

Il lavoro che la Tromba del Trambusto sta facendo grazie al presidio Harry Loman (che ha preso a cuore l’animazione artistica di Acmos) continua con risultati impensabili. E prima di questa tappa al Parco Ruffini (Torino) venerdì 14 settembre alle 19, avreste mai immaginato che persone come “loro” avrebbero fatto uno spettacolo su Peppino Impastato (certo ancora in fase embrionale) davanti a rappresentanti autorevoli dell’antimafia? Francesco Forgione, Gian Carlo Caselli, Pino Masciari e tutta la sua famiglia, Viviana Matrangola… tutti contentissimi (e sbalorditi quanto tutti noi) per la qualità del risultato.
Ma una cosa colpisce più di tutte: mai avremmo sognato di vederli vestiti in quel modo!
Fonte: ACMOS